TERNI
+39 379 189 8480
meweb@progettostrategicodigitale.it

COME STRUTTURARE UNA CAMPAGNA FACEBOOK

MeWeb fa girare il web intorno al tuo business

COME STRUTTURARE UNA CAMPAGNA FACEBOOK

come impostare una campagna FACEBOOK

Le campagne facebook sono molto utili per generare traffico per il progetto digitale di qualsiasi business. Strutturare una campagna facebook è un’ attività del web marketing strategico. Le competenze tecniche e le skills creative sono doti indispensabili e complementari per gestirla. Il fatto che Facebook spinga qualsiasi gestore di pagina a fare delle inserzioni non significa però che sia facile. Per quanto possa sembrare banale e a prova di bambino investire un paio di euro per far girare un messaggio promozionale su un social network, sappi che questo richiede conoscenza, esperienza e padronanza di strumenti e strategie specifiche…

Il processo di gestione per strutturare una campagna facebook si può dividere in due fasi : la strutturazione e l’ottimizzazione. I passi iniziali sono analizzare, pianificare e implementare per strutturare la campagna e poi successivamente al lancio è necessario testarla e ottimizzarla per migliorare il rendimento dei risultati.

Gli elementi da utilizzare in Facebook sono: il pixel, gli eventi e i pubblici. Sinteticamente il pixel di Facebook, deve essere configurato, per potersi attivare ogni volta che qualcuno esegue un’azione predefinita conosciuta come evento, tipo: la visualizzazione di un contenuto, l’invio di un modulo di registrazione,l’aggiunta di un articolo al carrello , un acquisto… Il pixel raccoglie tutte queste informazioni, predefinite chiamate eventi. Tali eventi vengono utilizzati per definire e creare pubblici personalizzati, da raggiungere tramite inserzioni specifiche.

IL PIXEL

E’ lo strumento indispensabile per raccogliere i dati statistici su facebook. Una volta creato il pixel su facebook manager , si deve inserire il codice del pixel sul sito web da monitorare. Poi è necessario configurare gli eventi per misurare le azioni più importanti.

IL PUBBLICO PERSONALIZZATO

Il Pubblico Personalizzato si usa per:

● Dare “una spintarella” all’iscrizione: hanno visitato il sito, ma non si sono iscritti alla tua newsletter, non hanno creato alcun tipo di “relazione” con il tuo brand? Raggiungili con un’inserzione, magari offrendo loro un e-book o una risorsa gratuita in cambio
del loro indirizzo e-mail.
● Dare “una spintarella” all’acquisto: crea un segmento delle persone che hanno visitato il sito, ma non hanno acquistato e raggiungile con comunicazioni mirate.

Inoltre puoi utilizzare i pubblici personalizzati per migliorare le performance della campagna :

● “escludi” dal targeting alcuni pubblici: in pratica, quando crei un’inserzione, puoi escludere questi segmenti dal pubblico, in modo da massimizzare la performance dell’inserzione stessa. Se stai, ad esempio, facendo una campagna a obiettivo raccolta di indirizzi e-mail, escludi il segmento delle persone già iscritte!
● “rifinisci” con altri criteri di profilazione: vuoi raggiungere i tuoi clienti appassionati di yoga? In fase di profilazione scegli il segmento e poi aggiungi le caratteristiche/interessi che vuoi tu, vedrai il numero del pubblico potenziale scendere…quelli che
restano sono i tuoi clienti presenti su Facebook (e che Facebook è riuscito ad identificare) appassionati di yoga !
● “crea pubblici simili” : puoi creare un Pubblico Simile a praticamente qualsiasi fonte, tra queste anche ai pubblici personalizzati. Crea un pubblico simile e guarda come performa !

PRIMO PRINCIPIO DELLE ADV

Il principio generale che regola il meccanismo delle campagne adv è : “dare il messaggio giusto alla persona giusta nel momento giusto”.

SECONDO PRINCIPIO DELLE ADV

E’ più facile e meno costoso acquisire un “Mi piace” o un’ altra forma di interazione con ads mirate al coinvolgimento o all’acquisizione di fan, mentre è in genere più difficile e costoso raggiungere obiettivi di conversione “più concreti”, quali la richiesta di informazione, l’iscrizione alla newsletter o l’acquisto…

Per questo si tende a fare lead generation per traghettare, con il tempo, l’utente verso
l’acquisto attraverso l’ottimizzazione delle adv e anche altri strumenti come la mail.

PIANIFICAZIONE DELLA CAMPAGNA FACEBOOK

Per ridurre al minimo la possibilità di errore nel voler inviare il messaggio giusto alla persona giusta nel momento giusto è necessario analizzare la situazione per pianificare al meglio la campagna.

I Pubblici Personalizzati di Facebook sono fondamentali per chi vuole fare business con le Facebook Ads, perché permettono di raggiungere in modo eccezionalmente mirato persone che, in qualche modo, già conoscono il nostro brand.

E’ fondamentale segmentare in modo preciso i pubblici in base alle loro azioni. Creare pubblici personalizzati per segmentare gli utenti che già conoscono il brand è il primissimo passo. Si può creare un Pubblico Personalizzato per i contatti di cui possiedi già la mail, per coloro che hanno visitato il sito web negli ultimi 180 giorni, per i fan della pagina…

SCHEMA DI STRUTTURAZIONE DELLA CAMPAGNA FACEBOOK

CAMPAGNA FACEBOOK- SCHEMA

Nell’organizzare una campagna è necessario pensare alle due fasi fondamentali del processo di acquisto: l’utente deve prima conoscere il brand e poi solo dopo è pronto per l’acquisto.

La campagna prospecting per farla funzionare è necessario arricchirla e dedicarle del tempo, testando copy e immagini diverse e utilizzando diverse leve psicologiche. Questo tipo di campagna si può avviare subito dopo aver ottimizzato il brand online: costruita la presenza di base con i social, si può guadagnare visibilità attraverso campagne con obiettivo mi piace e l’interazione con i post. Infatti la campagna prospecting serve a far conoscere il brand e il prodotto o servizio. Ha come obiettivo l’interazione. Si rivolge a pubblici definiti per interesse e/o geolocalizzazione ed è importantissima perchè alimenta il pubblico personalizzato di coloro che hanno avuto il primo contatto con il brand.

A questo pubblico personalizzato appena citato si rivolge la campagna retargeting che ha come obiettivo la conversione. All’interno della campagna retargeting è bene segmentare i diversi target in base all’azione compiuta. Esempio: chi ha interagito ma non ha cliccato sul link, chi ha visitato la prima pagina del funnel ma non ha lasciato la mail, chi ha lasciato la mail ma non ha acquistato…

Come puoi leggere dallo schema c’è anche un riferimento al budget da investire. Definito il budget totale disponibile, si calcola la percentuale per ogni gruppo di annunci.

SCHEMA DI PIANIFICAZIONE DELLA CAMPAGNA FACEBOOK

Prima di mettere mano a Facebook Ads è auspicabile chiarirsi bene le idee su come procedere. Leggere le Normative Pubblicitarie di Facebook è preliminare per non incorrere in tristi e concenti delusioni di non approvazione delle inserzioni. Le immagini e i video a supporto delle inserzioni sono essenziali. Per preparare rapidamente delle immagini consiglio l’uso di Canva, che anche in versione free è molto pratico e funzionale.

Ultimo consiglio: può essere molto utile inizialmente pianificare la campagna entro schemi definiti.

CAMPAGNA FACEBOOK- PIANIFICAZIONE
CAMPAGNA FACEBOOK- PIANIFICAZIONE

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ?